< torna alla pagina news
22 GIUGNO 2016

Parmalat dialoga con il Mipaaf stando al passo con la tecnologia

DOWNLOAD

Caso di studio Parmalat
(PDF Format - 98 KB)

22 GIUGNO 2016

Parmalat dialoga con il Mipaaf stando al passo con la tecnologia

Dal cartaceo al digitale: i rapporti con il Mipaaf diventano più snelli. 

Scopri il caso di studio C.A.T.A. & Parmalat

Parmalat S.p.A. trattando sostanze zuccherine, per adeguarsi alle disposizioni Ministeriali previste dal Decreto Campolibero rese obbligatorie dal 1° ottobre 2015, utilizza l’applicativo di dematerializzazione dei registri Mipaaf di C.A.T.A INFORMATICA. «Ci siamo affidati a C.A.T.A. INFORMATICA perché rappresenta un player con esperienza pluriennale nei processi di digitalizzazione in atto con la pubblica amministrazione; considerando la numerosità delle movimentazioni da gestire la scelta è stata di integrare la piattaforma C.A.T.A. con il nostro software gestionale. Utilizziamo l’applicativo in modalità Cloud che viene aggiornato e manutenuto direttamente da C.A.T.A con l’obiettivo di dedicare risorse (tecniche e business) su attività a maggior valore aggiunto» racconta G. Calvo (Application Specialist Sist Info Parmalat)